Le caratteristiche di un arredamento moderno e di design

Chi vuole arredare la casa in stile moderno deve tenere conto delle tendenze principali di questa tipologia di arredamento, soprattutto se ha intenzioni di prendere gli arredi pezzo per pezzo, completando con i complementi secondo un gusto personale, ma indirizzato a uno stile appunto. Non è facile acquistare online e non è nemmeno facile trovare arredi che vadano bene per tutto. L’idea è quella di creare ambienti che abbiano una personalità che si trasmette di angolo in angolo, dando la sensazione di continuità.

L’arredamento moderno è indubbiamente dominato da linee nette, pulite, chiare. Il focus è posto sul comfort e sull’ergonomia, con un sapiente uso degli spazi per far passare la luce. Per cui questo aspetto minimalista ha la sua ragione d’essere nel fatto che dia una soddisfazione maggiore con impiego di un minor numero di elementi. Lo spazio viene in qualche modo aperto, eliminando tutto il superfluo, soprattutto nella realizzazione dei mobili.

Questo concetto dipende anche dal fatto che le case di oggi, gli appartamenti soprattutto, sono molto più piccoli rispetto al passato. Come reazione, da un lato si cerca di occupare meno spazio, dall’altro si abbattono i muri interni per creare ampi open space nei quali ospitare le zone di living. Per un esempio di arredamento di design si può vedere il made in Italy proposto da Idà Interni, che parte proprio da questo concetto.

Le credenze, i mobili, le mensole, le madie dovrebbero tutte essere lisce, senza ulteriori abbellimenti, anche le maniglie occupano poco spazio e i colori chiari, pastello o in scala di grigio, tendono comunque a riflettere molta luce, tanto che per variare è preferibile tinteggiare la parete con un colore diverso dal tradizionale bianco.

Nelle vecchie case degli italiani ancora si possono vedere delle mobilie di alta qualità, ma superate nelle linee, spesso troppo abbondanti, che avevano il compito di occupare gli spazi, trasmettere calore e naturalmente ospitare tanti oggetti. Oggi si fanno meno figli e le case sono più piccoli. L’arredamento di design moderno ancorché un gusto da preferire, è anche un’esigenza dei nostri tempi.

Dal punto di vista dei complementi, le forme rimangono le stesse, ma più lineari, razionali. I divani e le sedie dell’arredamento moderno hanno tipicamente una forma squadrata, supporti in metallo, con colori neutri in tonalità leggermente più scura. Va di moda anche lo stile industriale che ha lo scopo di ridurre all’osso i fregi per un aspetto più metallico che può variare dal colore rame al nero.

I divani devono occupare meno spazio, ma assicurare una seduta ampia e comoda. Spesso sono divani-letto proprio per approntare una soluzione di riserva per gli ospiti. Hanno forma rettangolare, squadrata, mirante e incastrarsi negli angoli e creare separazione, soprattutto negli open space.

Per quel che riguarda la scelta dei materiali, invece, e dei motivi per le superfici, un’attenzione particolare è rivolta ai legni naturali, ai metalli che ispirano il gusto industriale. Anche i tessuti tendono a unificarsi alla regola di non essere troppo appariscenti. Gli elementi di illuminazione sono metallici, sottili, spesso uniti a formare un sistema ad applique per creare ancora meno ingombro.

La zona di intrattenimento nasconde i fili, le scaffalature assorbono oggetti come i decoder, la TV può essere agganciata alla parete, senza fili di sorta, se non coperti da canalette o dello stesso colore della tinta oppure in linea con gli arredi principali. Le cornici dei quadri e delle fotografie non dovrebbero essere troppo spesse, ma minime, sottili, in colori neutri.

In definitiva, una casa contemporanea, con arredo di design moderno deve conferire un’idea di spaziosità, far respirare gli oggetti, dare libertà di movimento.

Condividi:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.