Come ottenere il rimborso per il ritardo aereo

Ritardi e cancellazioni dei voli aerei sono rimborsabili?

Siete rimasti bloccati in aeroporto in un’attesa snervante a causa di un guasto tecnico? Oppure a causa di un volo proveniente da un’altra destinazione già in forte ritardo? La risposta è semplice: avete diritto a un rimborso per ritardo o cancellazione del volo aereo. In questo caso sarà la compagnia interessata, cioè quella che materialmente ha provocato il danno, a pagarne le “spese” in base al regolamento europeo CE261/2004. Questa disposizione tutela il viaggiatore, assicurando un rimborso fino a 600 euro per un ritardo volo aereo di oltre tre ore.

Richiesta di rimborso: quando presentarla?

Lo scopo della compagnia aerea è, chiaramente, quello di evitare di pagare le numerose richieste risarcitorie inerenti a ritardi e cancellazioni di voli aerei. Seguendo questa politica, però, si troverebbero incastrate in una serie infinita di processi burocratici che possono compromettere seriamente la loro reputazione. Nonostante tutto, le compagnie cercano ugualmente dei validi “escamotge” per non risarcire i propri clienti, come ad esempio informare il viaggiatore che il disagio è stato provocato da cause di forza maggiore. Comunque sia, il passeggero ha diritto a richiedere un risarcimento, dopo aver appurato le effettive cause del ritardo prolungato di tre ore e, ottenere così un rimborso fino a 600 euro.

Conoscere i propri diritti

Per inoltrare una richiesta di rimborso, bisogna conoscere alcune notizie utili. Ad esempio, che il risarcimento può variare dai 250 ai 600 euro in base alla tratta aerea e alle ore di ritardo; in caso di cancellazione volo, la compagnia deve garantire al viaggiatore pasti caldi e una comoda sistemazione presso hotel; il vettore aereo non è tenuto a pagare nessun risarcimento se si verificano eventi straordinari, come calamità naturali, l’improvviso scoppio di una guerra civile, l’eruzione di un vulcano e tutte quelle situazioni che possono compromettere la sicurezza dei passeggeri.

Ad ogni modo, in base al regolamento europeo CE 261/2004, le compagnie aeree sono costrette a pagare i ritardi e le cancellazioni dei voli, anche al verificarsi di guasti o errori tecnici del velivolo.

Valide soluzioni per ottenere il rimborso 

Col verificarsi di certi inconvenienti che possono causare ritardo o, addirittura, la cancellazione del volo aereo, il passeggero può far valere i propri diritti, inoltrando una domanda di rimborso a siti specializzati nel settore dei trasporti aerei, come ad esempio www.flycare.eu

Scegliere un team di professionisti con consolidata esperienza in materia di trasporti aerei, significa avere la certezza di ottenere il rimborso per ritardo volo richiesto. Inoltre, questo portale offre numerosi benefici, tra cui assistenza legale senza nessuna spesa di anticipo, gestione guidata delle pratiche e rimborsi in tempi rapidi. Il team informa anche i passeggeri su tutti i loro diritti e le varie indennità che spettano in caso di problemi con i voli. Infine, se la pratica va a buon fine, l’intero ammontare viene accreditato sul conto corrente del passeggero senza trattenere nessun tipo di costi.

Condividi:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.