Come scegliere il carrello elevatore

Come scegliere il carrello elevatore

Ci sono una serie di domande a cui è possibile rispondere per poter scegliere il carrello elevatore più adatto alle proprie esigenze, vediamo insieme quali.

L’area di lavoro in cui il carrello elevatore opererà è esterna o interna?

Per gli ambienti chiusi ci sono delle limitazioni in termini di carrelli elevatori a diesel, soprattutto per coloro che lavorano nel settore alimentare. Tuttavia, la legge italiana NON vieta esplicitamente l’uso di muletti diesel in ambienti chiusi, ma è ovvio che questi presentino alcune controindicazioni, fatta eccezione per le logistiche che devono spostare carichi superiori a 100 quintali, dove il mezzo a diesel diventa l’unica soluzione. In termini di carrelli elettrici, invece, va considerato il fatto che in un ambiente chiuso, questo presenterà una postazione di ricarica dove si genera un’atmosfera esplosiva e sarà dunque necessario effettuare una valutazione ‘atmosfere esplosive (ATEX)’ che aumenta il costo di gestione, con applicazioni di misure protettive.

A quale altezza andrà stoccata la merce?

In questo caso, l’altezza da terra del pianale dell’ultimo livello delle scaffalature diventa il criterio di scelta del carrello elevatore. Questo parametro viene solitamente confrontato con il valore che si trova sulla targa del carrello elevatore, dove sono indicare i limiti di elevazione e le quote raggiungibili, che si trovano ovviamente anche sul libretto dello stesso.

Che caratteristiche hanno i nostri carichi?

Questo criterio va confrontato direttamente con il grafico di portata del muletto o con la targhetta di portata. In genere, i carrelli elevatori con motore elettrico possono garantire una portata massima con il baricentro a circa 50 cm dalla battuta. Ovviamente, per fare questo tipo di valutazione sarà necessario conoscere il carico massimo che andiamo a sollevare, in modo da avere come criterio di scelta quello più comune, ossia la portata.

Il carrello elevatore verrà utilizzato per effettuare manutenzione in quota?

In alcune aziende, il muletto viene usato per effettuare piccole riparazioni in quota, ad esempio per sostituire tubi al neon o altro, e così è interessante conoscere se il carrello è predisposto anche per l’utilizzo di ceste omologate per il sollevamento delle persone. Questo consente di evitare di sollevare in quota i colleghi tramite pallet o altri dispositivi che mettono in pericolo l’incolumità delle persone per effettuare piccole opere di manutenzione.

A chi affidarsi per l’acquisto o il noleggio dei carrelli elevatori?

In Europa ci sono moltissime aziende che producono questo indispensabile tipo di mezzo per logistiche e magazzini, ma il consiglio migliore che possiamo dare, è quello di affidarsi a rivenditori italiani come la Elecar (www.elecarsrl.eu), che garantiscono la possibilità ad ogni cliente di poter scegliere tra un parco macchine molto ampio e non solo limitato ad un unico marchio. Questo fa si che ognuno possa scegliere il mezzo più adatto alle proprie esigenze, potendo contare su prodotti dall’elevato rapporto qualità – prezzo. Oltre al servizio di vendita e noleggio, Elecar offre anche estensione della garanzia, servizio di manutenzione, full service, controlli dei macchinari periodici, manutenzione delle batterie dei carrelli elevatori elettrici e ricambi subito disponibili in magazzino.

Condividi:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.